Al via la campagna istituzionale a sostegno dell’olio

Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ha avviato la campagna di comunicazione istituzionale  “Olio Extra Vergine. La Sua Ricchezza. La Nostra Fortuna” per promuovere il consumo di olio extra vergine di oliva e sensibilizzare i consumatori sulla lettura dell’etichetta per conoscere le caratteristiche nutrizionali, la varietà, l’origine e la tracciabilità del prodotto.

“Quando parliamo di olio – afferma il Ministro Martina – parliamo di uno dei simboli del Made in Italy agroalimentare nel mondo, che racchiude in sé il profondo legame tra cultura, tradizione e territorio del nostro Paese. Si tratta di un comparto che vale 3 miliardi di euro e rappresenta il 3% del fatturato totale dell’industria agroalimentare italiana. Un settore che, considerata l’altissima qualità dei nostri prodotti, dobbiamo sostenere per migliorare anche la produttività dal punto di vista quantitativo. Abbiamo gettato le basi di questo rilancio con
l’approvazione del piano olivicolo nazionale e proseguiamo con azioni mirate e controlli capillari per continuare a garantire ai consumatori eccellenza, sicurezza e tracciabilità”.


DATI SETTORE OLIO IN ITALIA

– QUANTITÀ DI OLIO PRODOTTO DA OLIVE ITALIANE: nel 2015 produzione 302.000 t.

– AZIENDE OLIVICOLE ITALIANE: circa 900.000

– VOLUME DI AFFARI: 3 miliardi di euro, pari al 3% del fatturato totale dell’industria agroalimentare

– IN ITALIA SI CONTANO 42 DOP E 3 IGP

– IL PIANO OLIVICOLO NAZIONALE

Previsto dall’articolo 4 del DL 51/2015, ha tra i suoi obiettivi principali:
– l’incremento della produzione nazionale di olive e di olio extravergine di oliva, senza accrescere la pressione sulle risorse naturali, in modo particolare sulla risorsa idrica, attraverso la razionalizzazione della coltivazione degli oliveti tradizionali, il rinnovamento degli impianti e l’introduzione di nuovi sistemi colturali in grado di conciliare la sostenibilità ambientale con quella economica;
– la promozione dell’attività di ricerca per accrescere e migliorare l’efficienza dell’olivicoltura italiana;
– iniziative di valorizzazione del Made in Italy e delle classi merceologiche di qualità superiore certificate dell’olio extravergine di oliva italiano, anche
attraverso l’attivazione di interventi per la promozione del prodotto sul
mercato interno e su quelli internazionali;
– il recupero varietale delle cultivar nazionali di olive da mensa in nuovi impianti olivicoli integralmente meccanizzabili;
– incentivare e sostenere l’aggregazione e l’organizzazione economica degli operatori della filiera olivicola.


 

Mipaaf

error

Ti potrebbe interessare...

Progetto rEVOOlution Il regolamento (CE) n. 1513/2001 del 23 luglio 2001, definisce come olio extra vergine di oliva (EVOO) l’olio ottenuto dalla prima spremitura delle ol...
Xylella trovata in Belgio su olivi spagnoli Nel mese di settembre 2018 sono state intercettate in Belgio alcune piante di olivo di origine spagnola affette dal batterio Xylella fastidiosa e prov...
EVOO di qualità: l’Itrana in trasferta a Milano La cultivar autoctona della provincia di Latina – insieme alle varietà olivicole e olearie tipiche di Umbria (Moraiolo), Sicilia (Tonda Iblea), Toscan...
Nuovi confezionatori in Consorzio: le loro storie ... Il Consorzio di Tutela dell’Olio Extravergine di Oliva DOP Riviera Ligure rilancia con alcuni nuovi consorziati. Aumenta il numero di chi pone sul mer...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.