Arriva nei supermercati l’olio di semi di girasole alto oleico “consigliato da MasterChef” che può fare concorrenza all’extra vergine di oliva

Arriva nei supermercati un nuovo prodotto a fare concorrenza all’olio extravergine di oliva, un olio di girasole ad alto oleico arricchito di vitamine e antiossidanti. Un prodotto che promette di attirare l’attenzione dei consumatori grazie a un’efficace strategia di marketing. Ne parla un articolo di Teatro Naturale che ripubblichiamo con piacere.

L’olio extra vergine di oliva è un prodotto delicato e instabile. Come dimostrato negli ultimi anni le produzioni, le qualità e i prezzi sono molto ballerini. Troppo per un’industria alimentare che fa della stabilità l’elemento essenziale per le proprie politiche commerciali. È quindi necessario creare dei surrogati dell’extra vergine, meglio se a prezzi più competitivi, che riescano a riunire tutte le virtù salutistiche dell’extra vergine, dando un’immagine di salubrità, al contempo facendo leva sull’utilizzo più comune dell’olio: la cucina e la frittura.

L’olio di girasole alto oleico è arricchito con Vitamina E ed estratti di erbe aromatiche per fornire antiossidanti

Quali sono le due caratteristiche salutistiche più importati per l’extra vergine? L’alto contenuto di acido oleico (acido grasso monoinsaturo) e il contenuto di fenoli (antiossidanti naturali). Dalla mente dell’industria alimentare ecco dunque nascere un olio di semi di girasole ad alto oleico (80% dichiarato), arricchito di vitamina E e antiossidanti naturali di rosmarino, alloro e salvia. Si tratta di un un simil olio extra vergine di oliva perfetto, con lo smacco che quest’olio viene considerato ottimo per friggere in quanto stabile fino a 230 gradi.

Quest’olio, venduto al supermercato al prezzo di circa 3,9 € a bottiglia da 0,75 litri (3,5 € sul sito del produttore), si avvicina al prezzo di una bottiglia di extra vergine di primo prezzo acquistabile a 5 €/l.

Il produttore dichiara un contenuto di acido oleico pari ad almeno l’80%  simile a quello dell’olio di oliva

L’olio di semi di girasole alto oleico ha anche un altro vantaggio, la shelf life è di 24 mesi, contro i 18 medi di un extra vergine. È probabile che quest’olio possa essere il capostipite di una famiglia di prodotti simili anche perché le fonti di antiossidanti naturali da aggiungere si moltiplicano e  diventando sempre più economiche.

Certo, si tratta sempre di un olio di semi, quindi ottenuto per estrazione e raffinazione chimica e non puramente meccanica come l’extra vergione, ma se le proprietà nutrizionali e salutistiche verranno confermate chi ci farà davvero caso?

Fino ad ora il nuovo olio non è sfuggito agli chef visto che viene pubblicizzato come l’Olio di semi di girasole Alto Oleico consigliato da MasterChef Italia.

E se prossimamente un olio di semi ad alto oleico venisse arricchito dai fenoli estratti dalle acque di vegetazione delle olive? Nuovi fronti di competizione si stanno aprendo. Pronti ad affrontarli?

TN

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *