percorsi avvicinamento olio d'oliva

Percorsi di avvicinamento all’extravergine di oliva

«Un buon extravergine si riconosce da vari fattori: da analisi chimiche che ne stabiliscono l’acidità ma anche da analisi sensoriali, svolte da panel esperti che ne stabiliscano la freschezza, il profumo, l’amaro e il piccante al gusto, valori fondamentali di un prodotto d’eccellenza». Parola della “olive oil expert” Maria Luisa Ambrosino, intervenuta lo scorso 23 marzo durante i “Percorsi di avvicinamento alla conoscenza dell’olio extra vergine d’oliva”, evento organizzato dalla cooperativa sannita “La Strega dell’Olio d’Oliva” e dall’Unione Nazionale Associazioni Produttori Olivicoli “Unapol” (l’appuntamento si è tenuto presso il locale “Cillo” di Airola).

Al centro dell’iniziativa i metodi per distinguere un buon extravergine da altri tipi di olio d’oliva: «L’extravergine è un olio ottenuto direttamente dalle olive senza aggiunta di additivi o solventi, non deve avere difetti organolettici, deve avere bassa acidità e basso livello di ossidazione». Un tema tutt’altro che astratto o meramente tecnico, come ha dimostrato la sessione pratica, con l’assaggio dell’olio. Piccole accortezze: versare l’olio in un bicchierino scuro (per non farsi influenzare dal colore); riscaldare il bicchiere facendolo ruotare nel palmo della mano (l’olio presenta molecole volatili che si sprigionano con il calore); annusare velocemente per non saturare il bulbo olfattivo e mandarlo in confusione. Quanto all’assaggio vero e proprio, è opportuno fare un piccolo sorso, cospargere l’olio sulla lingua, poi ispirare aria attraverso i denti. Questo fa si che le molecole volatili si diffondano in tutta la bocca e vengano in contatto con il bulbo retronasale.

Nello specifico, la degustazione ha messo a confronto oli monocultivar (Ortice, Coratina) con oli plurivarietali prodotti al di fuori dell’Unione Europea, risultati prevedibilmente privi di sentori aromatici e di particolarità, e incapaci di arricchire il sapore dei prodotti proposti (laddove gli oli di Ortice e Coratina hanno mostrato un’estrema capacità d’incidere sui piatti proposti, conferendo aromi e corposità). A vincere, la cultura dell’olio territoriale contro l’incultura della produzione seriale multinazionale.

https://www.olitaly.it/lassaggiatore-professione/

error

Ti potrebbe interessare...

CAPOL Latina: corso professionale riconosciuto per... Dal 1° al 13 Aprile presso la Sala Conferenze del Consorzio per lo Sviluppo Industriale Roma-Latina. 7 giornate formative per una durata complessiva d...
Festa dell’olio nuovo Torna l’appuntamento con Fratelli Turri per la Festa dell’olio nuovo. Il frantoio di Cavaion Veronese (Verona) apre le porte al pubblico domenica 12 n...
Assaggia la Liguria, la kermesse ufficiale dei pro... Ad Aromatica 2019 in programma dal 25 al 28 Aprile a Diano Marina (IM), i Consorzi di Tutela del Basilico Genovese DOP e dell’Olio DOP Riviera Ligure,...
L’olio in vetrina a villa Maseri tra gastronomia, ... Musica, teatro, degustazioni, convegni, laboratori del gusto e passeggiate. Ma non solo. “Olio e Dintorni” è ancora molto altro, confermandosi manifes...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.