L'oro verde di Casoli

A Casoli il convegno sull’olio extravergine d’oliva

CASOLI – “L’oro verde di Casoli”, questo il titolo dell’appuntamento dedicato all’olio extravergine di oliva che si terrà sabato 3 febbraio al Cinema Teatro Comunale di Casoli, alla presenza di esperti del settore provenienti da tutta Italia.

A promuovere ed organizzare l’evento è il Laboratorio Culturale L.U.C.E. Lab, con il patrocinio del Comune di Casoli, occasione per approfondire e conoscere tutte le tecniche di produzione e le strategie di valorizzazione di quello che è uno dei prodotti locali e abruzzesi apprezzato anche oltre i confini.

Dalle ore 16.30 l’intervento dei relatori, l’intento è quello di avviare un dibattito a livello regionale sulle strade da percorrere per lo sviluppo della filiera dell’olio extra vergine di oliva e per trasformare le potenzialità in concreti risultati.

“Riteniamo che il titolo di cui il nostro paese si fregia, “Città dell’Olio”, – spiegano gli organizzatori – meriti risalto e approfondimento affinchè possa declinarsi in qualcosa di concreto e tangibile. Il seminario sarà tenuto da esponenti di livello nazionale del settore olivicolo che interverranno per esporre le novità tecniche del comparto e le modalità di marketing e promozione del nostro prezioso prodotto”.
L’idea dell’Associazione L.U.C.E. Lab, nasce infatti dalla volontà valorizzare le intelligenze e le competenze del territorio, il convegno infatti è stato ideato e realizzato insieme al prof. Ermanno Comegna, casolano già distintosi nel settore agroalimentare a livello universitario e di ricerca.

Un’attenzione particolare all’Abruzzo olivicolo che è una realtà economica significativa dell’economia agro-alimentare regionale e che mantiene elevate potenzialità di crescita continua. Sono infatti più di 50.000 le aziende agricole abruzzesi che coltivano 41.500 ettari di oliveti e producono nella media delle ultime quattro annate 13.500 tonnellate di olio di oliva, occupando in tal modo l’ottava posizione nella classifica delle regioni italiane.

Intorno a questo ruota l’attività di circa 300 frantoi, oltre alle imprese di imbottigliamento, di media e grande dimensione.A prendere parte al seminario saranno oltre al prof. Comegna, anche Silverio Pachioli (Agronomo e docente presso l’Istituto Agrario “P. Cuppari” di Alanno – Pescara), Sergio De Luca (Funzionario STA Abruzzo Sud – Vicesindaco di Casoli), Dante Rosati (Funzionario ARSARP – Regione Molise), Mauro Meloni (Consorzio Garanzia dell’olio extravergine di qualità – CEQITALIA) e Marino Giorgetti (Esperto analisi sensoriale).

Al termine del convegno, la serata proseguirà con un percorso conviviale con degustazione di prodotti tipici delle aziende e delle associazioni affermate e riconosciute nel settore enogastronomico del territorio; prodotti che saranno sapientemente abbinati alle diverse tipologie di oli di produzione locale.
Il percorso, curato dallo chef Domenico Scotti Del Greco, sarà realizzato negli spazi del Castello Ducale e alla presenza del prof. Gino Primavera, cultore esperto e profondo conoscitore della gastronomia e delle tradizioni enogastronomiche locali, che guiderà i partecipanti nel viaggio di conoscenza e degustazione dei prodotti.

Fonte: Val Sangro.net

https://www.olitaly.it/oli-ditalia-2017-miglior-dop-trappeto-caprafico-casoli/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.