EVO-IOOC

Conclusa a Paestum la terza edizione dell’EVO-IOOC

Si è conclusa sabato 19 maggio la terza edizione dell’EVO-IOOC 2018 (International Olive Oil Contest). Dopo le prime due edizioni svolte in Sicilia, quest’anno il contest si è trasferito a Paestum (SA), in una location molto suggestiva.

La settimana è stata intensa, iniziata lunedì 14 maggio con l’assaggio da parte di esperrti di olio d’oliva provenienti da tutto il mondo. 502 olii iscritti al concorso, 20 paesi diversi, 156 varietà di olii: questi i numeri di questa edizione.
Per i produttori l’evento è iniziato venerdì 18 maggio, al Savoy Beach Hotel di Paestum si sono tenuti dei seminari organizzati con l’aiuto di esperti in vari settori: la Dr.ssa Alessandro Tedesco ha spiegato l’importanza de Marchi e la loro registrazione. Il Dr. Diego Guidotti ha presentato un nuovo impianto a supporto dell’olivicoltura. Miciyo Yamada ha presentato il mercato giapponese e fornito consigli per avvicinarsi al mondo nipponico. Il Dr. Guido Gallottini ha spiegato le nuove normative per l’importazione dell’olio extravergine negli Sati Uniti. L’avvocato Giorgio Rusconi ha fornito spiegazioni sul Made in Italy e parlato dei servizi legali connessi e per finire, la Dr.ssa Simona Colombo ha spiegato il metodo “Six Thinking hats” (sei cappelli per pensare) che aiuta l’approccio ai problemi e a risolverli. Tutti seminari molto interessanti, svolti a dissipare i dubbi che i produttori hanno più frequentemente.


Nel pomeriggio di venerdì 19 si è svolta la premiazione del concorso, ai piedi del Tempio di Hera, nell’Area Archeologica di Paestum.
17 i premi totali, suddivisi in emisfero sud ed emisfero nord, più dei premi speciali dedicati ai Paesi partecipanti. Le categorie erano:
Best Iternational Award (emisfero sud/nord)
Best International Monovarietal (emisfero sud/nord)
Best International Coupage (emisfero sud/nord)
Best International Organic
Best International DOP/IGP
L’olio del Tuffatore (Miglor olio Campania)
Premio speciale Raul C. Castellani – Best of South America
e i premi regionali: Spagna, Portogallo, Grecia, Italia, Creta, Messenia, Turchia.

Inoltre c’è un riconoscimento agli olii che hanno superato una soglia minima di punteggio che ricevono le medaglie d’oro (da 84 a 100) e medaglie d’argento (>65 e <84) e un diploma che certifica il premio.

Per concludere questa terza edizione non poteva mancare la cena di Gala al Savoy Beach Hotel con tutti i partecipanti presenti al contest per festeggiare i vincitori e la fine di un riuscitissimo evento internazionale.

Troverete la lista completa dei vincitori, dei premi speciali e delle medaglie d’oro e d’argento all’indirizzo www.evo-iooc.com


https://www.olitaly.it/paestum-iooc/

error

Ti potrebbe interessare...

Alla scoperta della cultivar Santagatese, le sue c... La Santagatese è una cultivar olea autoctona diffusa nella costa del nord-est della Sicilia, in particolar modo nella provincia di Messina sui monti N...
Problemi dell’olivicoltura italiana, David G... David Granieri intervistato oggi a Unomattina, su Rai uno, ha parlato degli argomenti più attuali riguardanti il settore olivicolo nazionale: scarsa p...
Olio di oliva, il problema non è la Tunisia ma i c... Sull’olio di oliva molti parlano, pochi si informano veramente. Prima delle polemiche, proviamo a capire il mercato dell’olio ma soprattutto chiediamo...
8 benefici dell’olio di oliva che forse non conosc... Oltre a favorire l'assorbimento dei minerali per preservare la densità ossea, l'olio d'oliva regola i livelli di zuccheri nel sangue e riduce il risch...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.