Diabete, l’olio d’oliva tiene a bada la glicemia dopo i pasti

Diabete – Usare l’olio d’oliva per condire i piatti potrebbe aiutare a tenere a bada la glicemia dopo i pasti. Questo è quanto emerge da un nuovo studio della Societa’ italiana di diabetologia (Sid) pubblicato sulla rivista Diabetes Care, studio che prende in esame un campione di 13 volontari con Diabete di tipo 1, ai quali è stato chiesto di consumare una serie di pasti che contenevano la stessa quantità di carboidrati, ma che erano costituiti da
Pasta e lenticchie, pane integrale e mela (pasto a basso indice glicemico)
oppure
Riso, pane bianco e banana (pasto ad alto indice glicemico)
I pasti consumati dai partecipanti potevano essere poveri di grassi, ricchi di grassi, oppure ricchi di grassi monoinsaturi (olio extravergine d’oliva). Ebbene, secondo quanto emerso dalle analisi, nel caso dei pasti ad alto indice glicemico accompagnati da olio d’oliva, si sarebbe attenuato il livello di glicemia dopo mangiato.
Uno o due cucchiai di olio extravergine di oliva ai pasti possono aiutare a moderare la glicemia senza dover limitare eccessivamente gli alimenti che contengono carboidrati, spiegano gli autori della ricerca
anche quelli come pane, riso, polenta e patate che hanno un indice glicemico più elevato.

benessereblog.it

error

Ti potrebbe interessare...

Olio d’oliva, farmaco naturale contro il diabete L’olio d’oliva farmaco naturale contro il diabete. Il risultato è stabilito da autorevoli studi scientifici e individua un’altra tra le innumerevoli p...
Olio di oliva benefico per il cuore, la FDA lo pro... Un vero e proprio superfood in grado di proteggere il cuore. Per questo, la Food and Drug Administration, l’agenzia per gli alimenti e i medicinali st...
Le proprietà benefiche dell’olio extravergine di o... E’ il fiore all’occhiello della dieta mediterranea. Nuove evidenze certificano le tante proprietà benefiche dell’olio extravergine d’oliva. Qui vi spi...
Extravergine di oliva contro i tumori Extravergine di oliva contro i tumori. Lo riconferma un nuovo studio pubblicato dalla rivista internazionale Oncology Reports, condotto dalla Lilt di ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.