EVOO Itrana

EVOO di qualità: l’Itrana in trasferta a Milano

La cultivar autoctona della provincia di Latina – insieme alle varietà olivicole e olearie tipiche di Umbria (Moraiolo), Sicilia (Tonda Iblea), Toscana (Frantoio), Trentino Alto Adige (Casaliva) – è stata protagonista della giornata di informazione e degustazione per la conoscenza ed il riconoscimento dell’olio extravergine di oliva di qualità, organizzata da FISAR nella sua Milano in collaborazione con il CAPOL.

Moraiolo, Tonda Iblea, Frantoio, Casaliva e Itrana. La cultivar autoctona della provincia di Latina è stata protagonista della giornata di informazione e degustazione che la Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori ha dedicato al riconoscimento dell’EVOO, attraverso la conoscenza delle varietà olivicole di maggior pregio, tipiche di alcune delle zone più vocate d’Italia, ossia Umbria, Sicilia, Toscana e Trentino Alto Adige.

L’iniziativa – Non basta dire Extravergine d’oliva – si è avvalsa della collaborazione dell’Associazione Centro Assaggiatori Produzioni Olivicole Latina e si è svolta sabato 24 Febbraio presso la sede FISAR di Milano. Sono state illustrate le tecniche di coltivazione e il metodo ufficiale di analisi sensoriale, esaminate le proprietà organolettiche e nutrizionali e il rapporto con la salute umana, con successive prove pratiche di assaggio e consegna degli attestati di partecipazione.

“Educare il palato della persona a riconoscere pregi e difetti di un olio extravergine di oliva significa contribuire ad insegnare al consumatore a distinguere un prodotto di qualità da uno qualsiasi degli oli commerciali che si trovano abitualmente sugli scaffali del supermercato, effettuando una scelta consapevole, possibilmente la migliore” – spiega Luigi Centauri, Presidente e Capo Panel CAPOL, presente all’incontro nelle vesti di relatore ed assaggiatore.

Il confronto con altri grandi oleo-campioni italiani, che caratterizzano le principali D.O.P. olearie del nostro Paese, ha esaltato le caratteristiche dell’oliva Itrana, che nel panorama nazionale di settore rappresenta un unicum, per la sua duplice attitudine nella triplice variante a due D.O.P. (olio extravergine d’oliva Itrana D.O.P. Colline Pontine e Oliva Itrana Gaeta D.O.P. da tavola), senza dimenticare l’altra oliva da mensa Itrana Bianca.

Marco Castaldi
Ufficio Stampa & OLMR

L’Olio delle Colline: i vincitori della XIII edizione

error

Ti potrebbe interessare...

Olio di oliva, il problema non è la Tunisia ma i c... Sull’olio di oliva molti parlano, pochi si informano veramente. Prima delle polemiche, proviamo a capire il mercato dell’olio ma soprattutto chiediamo...
Strada dell’Olio e dei Tesori di Sicilia Oi... Il progetto di una Strada dell'olio in Sicilia mira a incentivare produttori agricoli e non a diversificare la propria attività principale affiancando...
Record nell’export di olio di oliva spagnolo... Gli ultimi dati del Ministero dell'agricoltura spagnolo mettono in evidenza le problematicità del sistema olivicolo-oleario iberico. La campagna olear...
Olio di oliva, produzione inferiore alla richiesta... E', insieme alla pasta, l'alimento chiave della cosiddetta dieta mediterranea. Ma l'olio d'oliva sta conoscendo serie difficoltà di disponibilità, dov...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.