olio turri festa dell'olio

Festa dell’olio nuovo

Torna l’appuntamento con Fratelli Turri per la Festa dell’olio nuovo. Il frantoio di Cavaion Veronese (Verona) apre le porte al pubblico domenica 12 novembre 2017 dalle 10 alle 16.
Oltre ad assaggiare l’olio franto quest’anno l’occasione è anche quella di conoscere come viene prodotto. Non solo degustazioni in programma, ma anche visite guidate in frantoio e agli uliveti: 400 piante che oltre a una funzione produttiva hanno anche una funzione didattica.

Turri porta avanti un progetto di ricerca su 27 diverse varietà di olive italiane. L’obiettivo è lo studio del comportamento di queste varietà in luoghi diversi dal loro territorio di origine. Il frantoio si trova infatti in una delle zone più a nord d’Italia e d’Europa per la coltivazione dell’ulivo e il progetto nasce proprio per capire come queste piante si adattino all’ambiente che le ospitaInnovazione e ricerca sono infatti alla base del lavoro del frantoio, anche nella scelta dei sistemi di produzione: Giancarlo Turri, fondatore dell’azienda, è tra i primi in Italia ad aver scelto innovativi impianti di molitura in continuo, anziché i vecchi frantoi a presse.

Durante la giornata, con un’offerta alla Croce Rossa Italiana di Bardolino, si potranno degustare le diverse specialità gastronomiche del Garda, tutti piatti preparati con l’olio nuovo: polenta e renga, pasta e fagioli, bruschette e la tradizionale fogassa.

La Festa dell’Olio nuovo conclude la campagna olearia e lascia spazio a qualche riflessione sulla raccolta, a conclusione di un anno difficile per le avverse condizioni climatiche. Mentre la scorsa annata dopo le difficoltà delle piogge estive si era ripresa con l’autunno e aveva regalato una grande produzione, nel 2017 siccità e grandine hanno contribuito ad un calo produttivo, mantenendo però la qualità del raccolto. “Il 2017 è stato un anno complesso – afferma Laura Turri, co-titolare dell’azienda con i fratelli Luisa, Mario e Giovanni – reso
difficile dalla siccità e dalla grandine. La produzione si è dimezzata ma le rese sono molto buone, siamo già al 16 %, e le olive sono arrivate al giusto grado di maturazione in ottima salute. Ci aspettiamo di assaggiare un olio nuovo fruttato, dolce e delicato”.

L’evento è aperto al pubblico e ad ingresso libero, per maggiori informazioni visita il sito

Info in breve
Quando: domenica 12 novembre 2017
Dove: Cavaion Veronese (Verona)
Orari: dalle 10 alle 16
Modalità di partecipazione: ingresso libero. Con un’offerta alla Croce Rossa di Bardolino sarà possibile degustare, fino ad esaurimento, i piatti tipici conditi con l’olio nuovo.

Fonte: Itinerari del gusto.it

Ti potrebbe interessare...

“Sirena d’Oro” al bio Campano I tre migliori oli extravergine d’oliva da agricoltura biologica vengono dalla Campania, Abruzzo e Toscana. L’azienda Sole di Cajani, della provincia ...
Vincitori e programma “Sirena d’Oro di... Arriva alla 16° edizione il "Sirena d'Oro di Sorrento 2018". Il vincitore della sezione DOP/IGP è Frantoio Franci, di Montenero (GR), che vince anche...
Corso di idoneità fisiologica per assaggiatori di ... La OP LATIUM organizza un corso per assaggiatori di oli vergini di oliva autorizzato dalla Regione Lazio per l'ottenimento dell'idoneità fisiologica a...
Sestri: aspettando “Pane e Olio” Torna a Sestri Levante “Pane e Olio 2017” l’appuntamento con l’agroalimentare ligure. Dal 18 al 20 agosto il lancio della 16ª edizione e dal 7 al 1...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.