Filiera olivicola: mercati, sviluppo, qualità

Valorizzare gli olivicoltori e promuovere la qualità: su queste due direttrici muove il futuro dell’olivicoltura italiana. E’ quanto emerso dall’incontro dei vertici della filiera olivicola italiana riuniti al Grand Hotel Riva del Sole a Giovinazzo (Bari) davanti ad una platea gremita del futuro dell’olivicoltura italiana.
Un futuro che passa da un prodotto d’eccellenza e da accordi di filiera in grado di soddisfare soprattutto chi ogni giorno lavora per garantire la qualità: gli agricoltori.
”Da anni abbiamo intrapreso a livello nazionale con il Consorzio Nazionale Olivicoltori e a livello locale con Oliveti Terra di Bari un percorso importante che mira a valorizzare gli olivicoltori e la qualità del prodotto italiano – ha sottolineato il padrone di casa Gennaro Sicolo, Presidente di Oliveti Terra di Bari. C’è un clima di fiducia, riteniamo che ci siano prospettive future importanti per l’economia olivicola”.
Semplificazione e dignità, invece, sono le parole chiave del futuro per David Granieri, Presidente della Filiera Olivicola Olearia Italiana, organizzazione interprofessionale che raccoglie organizzazioni di produttori, rappresentanti del mondo del commercio e della trasformazione.
”Restituire dignità a tutti i settori che compongono la filiera olivicola italiana per garantire il potenziamento quantitativo e soprattutto qualitativo di tutto il settore”.
Giovanni Zucchi, tra i principali industriali dell’olio in Italia, ha ribadito l’importanza degli accordi di filiera soprattutto per poter proporsi con efficacia sui mercati internazionali: “Bisogna continuare sulla strada della qualità e della tracciabilità del prodotto che gli accordi di filiera, in grado di unire organizzazioni di produttori e industria, possono garantire, visto che all’estero, ad esempio, richiedono olio extravergine d’oliva italiano puro, senza residui di fitofarmaci“.
A concludere l’incontro il Presidente Nazionale della Confederazione Italiana Agricoltori, Dino Scanavino: “La filiera deve saper tutelare chi lavora ogni giorno, perché gli agricoltori da soli non possono sopportare questioni climatiche o problemi di altra natura. Molto si sta facendo, ma bisogna lavorare ancora meglio per garantire crescita e serenità”.


Cno – Consorzio Nazionale degli Olivicoltori


 

 

error

Ti potrebbe interessare...

Olio EVO: grande successo per l’olio ad R... Grande successo per l'olio extravergine d'oliva ad ANUFOOD CHINA 2017, kermesse enogastronomica internazionale tenutasi a Pechino", affermano le union...
Xylella trovata in Belgio su olivi spagnoli Nel mese di settembre 2018 sono state intercettate in Belgio alcune piante di olivo di origine spagnola affette dal batterio Xylella fastidiosa e prov...
Xylella, come combattere l’insetto La Xylella fastidiosa si contiene innanzitutto con la buona e corretta informazione: ricordando a tutti, per esempio, il rispetto dei tempi d’interven...
Via i dazi alle importazioni di olio tunisino Via i dazi alle importazioni di olio tunisino, c’è l’ok di Strasburgo, ma scoppia la polemica La misura Ue per aiutare il Paese in crisi dopo gli atta...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.