Olio aromatizzato al mirto

Il mirto è un arbusto sempreverde, aromatico, che raggiunge un’altezza di 3-5 m che cresce spontaneamente in Grecia, nell’Italia Meridionale e in tutte le isole esposte al vento e al sole.
I suoi frutti sono bacche tonde e commestibili, di circa 1 cm di diametro e di colore blu-rossatro, contenenti molti semi.
Famoso per le sue superiori proprietà antibatteriche, antimicotiche e antivirali, l’olio di mirto  fornisce anche una varietà di usi cosmetici. Non solo lenisce le rughe e imperfezioni, ma calma anche disturbi del sistema nervoso come l’Alzheimer, il Parkinson, le vertigini e la depressione. Come bonus aggiuntivo, l’olio di mirto è considerato un afrodisiaco. La sua fragranza è edificante e fresca e non presenta controindicazioni.

Questa ricetta utilizza i rametti della bellissima pianta aromatica del mirto. Si consiglia di non abusare delle sue chiome perché è una specie indigena della macchia mediterranea. Tuteliamola e rispettiamola. Procediamo, quindi, con parsimonia, per ottenere un ottimo condimento per le carni e i pesci arrosto, da conservare e utilizzare tutto l’anno: l’olio al mirto.

Ingredienti

1 l di olio extravergine di oliva
3 rametti di mirto
1 spicchio d’aglio

Preparazione
Fate macerare nell’olio, per un mese, il mirto e l’aglio vestito e leggermente schiacciato, all’interno di un vaso a chiusura ermetica, in luogo buio e asciutto. Passato il mese, agitate e filtrate l’olio aromatizzato e imbottigliate in bottiglie di vetro scuro. Conservate sempre in ambiente fresco e asciutto. Ecco pronto un ottimo condimento per tutti gli arrosti di carne e di pesce.

Curiosità: Volendo si può aggiungere un rametto di timo selvatico, che aggiunge note intense con il suo profumo e il suo sapore.

 

InsulaGolosa

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.