Olio buono e olio cattivo: quali sono?

Olio buono e olio cattivo. Come capire se l’olio è amico o nemico della salute? È un dilemma che divide esperti e nutrizionisti. Ma che può essere risolto grazie al contributo di diversi studi. Innanzitutto bisogna catalogare i diversi tipi di olio in base al frutto da cui viene estratto. Fatto questo si individua l’olio buono (che non nuoce alla salute) e quello cattivo (l’aggettivo lascia ben intuire il perché). Secondo studi universitari l’olio cattivo racchiude la sua cerchia principalmente intorno a pochi estratti. Tra questo troviamo l’olio di palma è quello di colza. Il primo è considerato dannoso e pericoloso in quanto è un acido palmitico, quindi un grasso saturo che non può essere idrogenato.

In diversi articoli dedicati allo studio del diabete si evidenzia il nesso tra lo sviluppo di questa malattia e l’impiego dell’olio di palma. Quest’olio incide sulle cellule betapancreatiche che producono l’insulina, danneggiandole.

Altro nemico per la salute è l’olio di colza, conosciuto come olio vegetale, premuto a caldo. Fa il suo ingresso nell’utilizzo industriale nel 1800. Inizialmente veniva usato come olio per le lampade. È composto principalmente da acido erucico, cioè un grasso che causa danni al fegato in particolare. La diffusione nel campo alimentare cominciò per il basso costo. I suoi effetti sono deleteri.

La lista degli oli buoni, per fortuna, è decisamente più lunga.Al primo posto, a fare da re, troviamo l’olio di oliva. Protegge da diverse malattie, innanzitutto da quelle cardiovascolari. Grazie alla presenza di omega 3, i grassi buoni, si conferma alleato prezioso della dieta Mediterranea.

Subito dopo ritroviamo l’olio di arachidi: ha caratteristiche molto simili all’olio di oliva, ma è molto più grasso. Contiene vitamina E, conosciuta per le sue proprietà antiossidanti. È molto indicato per le fritture avendo il punto di fumo a temperature molto elevate, oltre i 200 gradi. Per i condimenti, in alternativa all’olio di oliva, altro olio ricco di omega 3 considerato “buono”, è quello di semi di lino.Sempre per i condimenti troviamo l’olio di canapa, con proprietà antinfiammatorie, e l’olio di riso che presenta proprietà capaci di ridurre colesterolo e triplice ridi.Tra gli oli dedicati principalmente alle fritture, infine, sono consigliati quello di girasole e quello di mais

error

Ti potrebbe interessare...

L’afrodisiaco a tavola L'olio è il vero Viagra. Recenti studi hanno evidenziato come l'olio extra vergine di oliva abbia potere afrodisiaco.   Un Viagra naturale, privo di c...
Ecco i nuovi prodotti senza olio di palma Ecco i nuovi prodotti senza olio di palma. La Mulino Bianco ha annunciato che presto Tarallucci, Galletti e Girotondi saranno preparati escludendo l’o...
L’Olio Extravergine d’Oliva Toccasana Contro il Di... L’olio extravergine d’oliva farmaco naturale contro il diabete. A stabilirlo è uno studio dell’Università Sapienza di Roma, pubblicato su ‘Nutrition &...
Ma l’olio di mais? Esiste anche una terza categoria di oli, provenienti da semi con pochissimi grassi, come quelli di mais e di riso, dove i grassi vengono estratti dal ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.