il lavoro di filiera

Olio d’oliva: il lavoro di filiera per garantire il futuro

Riconquistare la fiducia dei consumatori, italiani e stranieri, con un’azione dell’intera filiera ed il sostegno delle istituzioni. E’ questa la strategia per il rilancio dell’olio d’oliva delineata in occasione del convegno organizzato il 13 dicembre a Roma da Assitol, l’Associazione italiana dell’industria olearia aderente a Confindustria, con la partecipazione di tutte le principali organizzazioni del comparto.
In particolare, il dibattito si è soffermato sul calo dei consumi che ha colpito gli olii d’oliva negli ultimi anni. In Italia, stando agli ultimi dati del Coi, il Consiglio oleicolo Internazionale, si è registrato un calo del 14%, in linea con la tendenza dell’Unione europea, pari a -12%.
Anche i dati Assitol sull’export, relativi ai primi otto mesi del 2017, delineano un rallentamento complessivo degli scambi commerciali con l’estero (-18,3%) rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. In particolare, perdono i Paesi Ue (-19,3%) ma anche quelli extracomunitari (-16,3). Il tutto si va ad incastonare in una campagna olearia che risente di mesi di siccità.
Anche se ancora centrale sulle nostre tavole – ha osservato Angelo Cremonini, presidente del gruppo olio d’oliva di Assitol – l’olio d’oliva ha vissuto pesantemente la crisi dei consumi e la vive ancora. L’olio d’oliva è sì un prodotto globalizzato, ma anche banalizzato nel suo impiego quotidiano, trattato alla stregua di un condimento qualsiasi“.

Per il settore, stretto tra la necessità del rilancio e gli effetti della crisi ancora in corso, potrebbe arrivare a breve una novità importante.

Appare ormai imminente il riconoscimento della Fooi, la nuova Interprofessione, che rappresenta un primo passo importante per lavorare insieme al rinnovamento del comparto.

E’ proprio dalla consapevolezza – ha ricordato Cremonini – che questo mondo ha bisogno di una decisa opera di modernizzazione che nasce la spinta, ormai due anni fa, a superare antiche divisioni per costruire un percorso comune“.

Un numero, soprattutto, è stato più volte citato durante il convegno: tra i grassi da condimento, il consumo mondiale di olio d’oliva è fermo al 4%. Eppure, lo stesso Consiglio oleicolo internazionale, afferma che per il prossimo anno si attende un incremento dei consumi mondiali pari al 5%.

Stiamo rischiando la retrocessione – ha messo in guardia Cremonini – il mercato oggi assiste all’avanzare di nuovi protagonisti. Per anni, abbiamo preferito guardarci in cagnesco invece di compattarci e decidere insieme ciò che, in altri Paesi, è la normalità per un’interprofessione: le opportunità del mercato da sfruttare, il coordinamento dei controlli e, in generale, la narrazione del nostro grande patrimonio oleario. Dobbiamo recuperare il tempo perduto“.

Accanto ai Paesi che, storicamente, sono produttori di olio d’oliva e nostri tradizionali competitors (Spagna, Grecia, Portogallo), sono emerse realtà importanti nel bacino euromediterraneo come la Tunisia, il Marocco e, negli ultimi due anni, la Turchia, mentre, oltreoceano, Stati Uniti e Australia vedono crescere sempre di più la produzione interna di olio d’oliva.
Comportamenti commerciali aggressivi, barriere non tariffarie, persino fake news sono strumenti non di rado impiegati dai “nuovi” Paesi oleari, che cercano di strapparci quote di mercato.
Eppure, i numeri del nostro comparto parlano da soli: 350 cultivar, 1 milione di ettari coltivati a olivo, 900mila olivicoltori, 6500 frantoi, 673 imprese di confezionamento, generano un fatturato complessivo di 3 miliardi di fatturato. L’Italia è prima in Europa per le sue Dop e Igp dell’olio.
Dobbiamo lavorare sull’olio di qualità – ha concluso Cremonini – laddove per qualità si deve finalmente intendere un prodotto buono, ricco di sentori e sapore e, al tempo stesso, redditizio per tutta la filiera“.

In questo senso, la modernizzazione del comparto, a partire dallo svecchiamento degli impianti e dall’apporto della ricerca nella selezione delle cultivar e delle buone pratiche agronomiche, deve fondarsi su un’interprofessione coesa.

Nell’operazione di rilancio, l’Ice, l’agenzia per il commercio estero, ed il Coi, l’Onu dell’olio d’oliva, possono apportare un contributo essenziale per far crescere sui mercati internazionali l’olio nazionale.
In questo quadro, è stata rilanciata la proposta di allargare il Sian, il sistema informatico che monitora tutti i movimenti dell’olio in entrata ed in uscita dall’Italia, a tutta l’Unione Europea e al bacino mediterraneo.

Fonte: Assitol – Associazione italiana dell’industria olearia

https://www.olitaly.it/etichettatura-redatta-la-guida-pratica/

Ti potrebbe interessare...

Olio di palma: in 20 anni importazioni raddoppiate Olio di palma un “ingrediente” contenuto in diversi prodotti alimentari, che sei italiani su dieci evitano di acquistare. Si conferma, dunque, la diff...
Oli d’Italia 2017. Miglior Dop: Trappeto di ... Dop, denominazione di origine protetta. Una certificazione che racconta un intero territorio, con un disciplinare ferreo che ogni produttore deve risp...
L’olio DOP Riviera Ligure al Forum Olio e Ri... La partecipazione del Consorzio di Tutela dell’olio extravergine di oliva DOP Riviera Ligure al Primo Forum Olio & Ristorazione, Milano, 28 maggio...
Xylella: la mappa degli alberi infetti Da lunedì primo maggio scatteranno i controlli dei carabinieri forestali che verificheranno se sono state eseguite nelle aree indicate le misure fitos...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.