Olio extravergine in festa, il Girolio d’Italia fa tappa a Iseo

L’olio extravergine di oliva è uno dei più importanti componenti della Dieta Mediterranea e per produrlo, sembra lapalissiano, ma servono gli ulivi che però disegnano un paesaggio caratteristico. È proprio questo paesaggio olivicolo che è un patrimonio da proteggere, è stato candidato all’Unesco per essere riconosciuto come bene immateriale italiano. Saranno questi i temi della settima edizione del Girolio d’Italia, il tour dell’extravergine che è partito dalla Liguria e attraverserà tuto il Paese.
 
Una delle prossime tappe, dal 26 al 28 maggio, sarà a Iseo, in provincia di Brescia, dove si produce un olio sempre più apprezzato da parte dalla comunità italiana dei buongustai. Mentre tutto il comparto è in sofferenza, la produzione italiana ha pagato dazio al clima e a diverse malattie che hanno colpito gli ulivi nel nostro Paese, alcune zone, come quelle dei laghi, stanno proponendo del oli sempre più ricercati dal mercato. «L’olio è elemento che distingue, un comun denominatore del territorio – ha rilevato Gianni Fava, assessore all’Agricoltura della Regione Lombardia – che caratterizza la promozione territoriale e ci restituisce una valenza economica in precedenza dimenticata. Questa manifestazione concorre al rilancio turistico del lago d’Iseo, ma in genere la fruibilità nei borghi più belli e suggestivi passa necessariamente attorno alla caratterizzazione di un prodotto alimentare, volano anche di riscoperta dell’agricoltura in un’area che noi riteniamo fondamentale».
 
Saranno tre giorni intensi, ricchi di appuntamenti: saranno oltre 40 gli eventi gratuiti tra mostre, conferenze, concerti, attività sportive, laboratori per i più piccoli e showcooking. Questa tappa lombarda del tour promosso dall’Associazione nazionale Città dell’Olio è l’occasione per rilanciare un territorio attraverso una sua eccellenza. Una scommessa da vincere come sottolinea l’assessore Fava.
 
«Le produzioni locali e la promozione territoriale è una scommessa che questo territorio sta vincendo – ha spiegato Fava – La Lombardia consuma 23 milioni di olio d’oliva, il valore più alto al mondo, in una regione tradizionalmente votata al consumo di grassi animali, e ne produce circa 800 mila litri. Una sorta di contaminazione alimentare riuscita, positiva: non c’è dubbio che in piccolo si tratti di una forma di globalizzazione. Se riuscissimo a rivalutare i prodotti delle nostre aree anche in termini di consumi interni potremmo avere sviluppi positivi di mercato».
«La città di Iseo è nella rete delle 328 Città dell’Olio italiane dal 2016 – ha commentato Enrico Lupi, presidente delle Città dell’Olio – In poco più di un anno ha dimostrato di voler scommettere sul proprio territorio e sulle proprie eccellenze, creando prestigiose occasioni di visibilità e di promozione come questa. Iseo è un esempio per gli altri Comuni, che invitiamo a partecipare con entusiasmo a questa grande festa dell’olio e a entrare nel novero delle Città dell’Olio lombarde con l’obiettivo di fare sistema e progettare insieme il futuro».
 
Degustare.it
error

Ti potrebbe interessare...

SEMINARIO “TECNOLOGIE PER LA QUALITÀ DELL... Il Gruppo Pieralisi sarà presente al Seminario dedicato alla tematica: "La tecnologia contemporanea per l'aumento della qualità dell'olio d'oliva", ch...
Ascoli Piceno, Fritto Misto all’Italiana 201... Da qualche anno Ascoli Piceno, terra d’origine della famosa oliva ascolana, diventa anche capitale della frittura, in particolare del Fritto Misto all...
ExtraLucca: il salotto dell’olio extravergine Si terrà il 17 e 18 febbraio prossimi la sesta edizione di ExtraLucca, il salotto dell’olio extravergine artigianale di qualità. Ideata da Fausto Bore...
Valorizzazione e tutela della biodiversità: dall’o... Sabato 30 Giugno, dalle 09:30, presso il Centro Studi dell’Ente Parco Nazionale del Circeo, l’iniziativa del CAPOL patrocinata dal Comune di Sabaudia ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.