Olio extravergine oliva, interpellanza di D’Agostino

Il deputato Angelo D’Agostino ha predisposto un’interpellanza al Ministro dell’Agricoltura, Maurizio Martina, per conoscere i criteri che il Governo ha adottato nell’indicare gli oli extravergini di oliva da tutelare nell’ambito dell’accordo UE – Canada denominato ‘Ceta’. Ciò perché nell’elenco non ha trovato posto il ‘Terra di Bari’, che è l’olio che vanta il livello di produzione più elevato in Italia.

“E’ abbastanza singolare – afferma il parlamentare – che il Governo abbia indicato tra gli oli da tutelare il ‘Garda Dop’, che ha una produzione di 160 tonnellate, mentre è stato escluso un olio come il ‘Terra di Bari’ che vanta una produzione di oltre 20 volte superiore, pari a 3641 tonnellate. D’altronde il ‘Terra di Bari’ ha un livello di esportazione pari al 70% rispetto al 50% del ‘Garda’.  E’ evidente che si tratta di una incongruenza sconcertante, anche in ragione del fatto che, oltre al Garda, sono stati inseriti altri Dop che hanno una produzione di gran lunga inferiore.”


“Chiediamo al Ministero dell’Agricoltura di spiegare le ragioni della estromissione dall’accordo Ceta dell’olio che ha i livelli più elevati di produzione ed esportazione. E’ evidente – prosegue D’Agostino – che si tratta di una decisione che, a prescindere dal criterio adottato, non risponde alla esigenza di tutelare le produzioni di eccellenza e soprattutto è fortemente penalizzante per l’economia del Mezzogiorno che, invece, andrebbe sempre più supportata. Mi auguro – conclude il Deputato – che il Ministro dell’Agricoltura e il Governo rivedano tale decisione.”


 

AV today

 

Ti potrebbe interessare...

L’Olio delle Colline, bilancio dell’edizione 2019... 96 aziende partecipanti al XIV Concorso “ L’Olio delle Colline ”, tra iscritte alla CCIAA e non; 15 quelle al IV Concorso “L’Oliva Itrana”; 32 bottigl...
La filiera solidale: depositati al Consorzio di tu... Sono 542 i contratti di consolidato rapporto tra olivicoltori e frantoiani depositati presso il Consorzio di tutela dell’olio DOP Riviera Ligure. Si t...
Olio EVO: grande successo per l’olio ad R... Grande successo per l'olio extravergine d'oliva ad ANUFOOD CHINA 2017, kermesse enogastronomica internazionale tenutasi a Pechino", affermano le union...
Le IGP regionali sono il futuro dell’olivico... La Toscana olivicola ha molti problemi, con il 27% della sua olivicoltura in stato di abbandono, ma ha mostrato nell'ultimo ventennio la capacità di c...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.