Olio extravergine di oliva penisola sorrentina

L’ olio extravergine di oliva della Penisola Sorrentina è un prodotto tipico della Campania tutelato dal marchio DOP e realizzato nei comuni della costa, dell’entroterra e nell’isola di Capri. Coltivare ulivi nelle zone costiere ha richiesto il ricorso a particolari terrazzamenti, che insieme alle caratteristiche del suolo vulcanico e al clima mediterraneo regalano all’olio un sapore davvero inconfondibile.

Gli ulivi presenti in quest’area sono circa il 75% dell’intera provincia di Napoli, anche se hanno una resa limitata, fruttando solo il 3% della produzione della Campania. La varietà d’oliva prevalentemente utilizzata per portare sulle nostre tavole l’ olio della Penisola Sorrentina è la Minucciola (detta anche Ogliarola), presente almeno al 65%, mentre le olive Rotondella, Frantoio e Leccino non possono eccedere il 35%.


Storia e caratteristiche dell’olio della penisola sorrentina

L’olivicoltura nella Penisola Sorrentina inizia con i Focesi, i coloni greci che consacrarono l’area alla dea Minerva. La coltivazione degli ulivi è dunque antecedente a quella degli agrumi, che a partire dal 1500 hanno contribuito a cambiare e rendere unico il paesaggio della zona, ancora oggi famoso in tutto il mondo per i suoi colori e i suoi profumi. Anche nell’olio extravergine di oliva della Penisola Sorrentina è possibile ritrovare sentori delle piante locali, che danno a questo prodotto tipico campano la sua spiccata aromaticità.

Di colore giallo paglierino, con riflessi verdognoli, l’olio extravergine di oliva della Penisola Sorrentina è un olio intenso, armonico e corposo, con un’acidità sempre inferiore allo 0,80%. Il sapore è equilibrato, con un giusto mix di amaro e piccante e note di mandorle fresche. I profumi ricordano le erbe spontanee e i frutti della terra d’origine, come rosmarino e pomodori. I piatti più indicati per esaltare questo olio sono senz’altro quelli della cucina tipica campana e sorrentina, soprattutto gustose grigliate miste di pesce e la tradizionale insalata di limoni di Sorrento.


Ciro Panzella

error

Ti potrebbe interessare...

Una campagna olearia povera che vede emergere nuov... Sarà un'annata povera, che si concluderà, probabilmente con una produzione deficitaria rispetto ai consumi medi degli ultimi anni. Italia e Spagna so...
Xylella, Commissione Ue verso il via libera ai rei... Si apre oggi, 16 maggio 2017, un primo spiraglio per l'olivicoltura pugliese che vive l'incubo dell'infezione da Xylella fastidiosa perché ieri, 15 ma...
Mosca delle olive, un pericolo in agguato E' stata un'estate drammatica a causa del caldo e della siccità, che però hanno almeno avuto il pregio di ridurre drasticamente, se non azzerare, il r...
Tutti i nemici dell’oliva, oltre alla mosca,... I nemici delle olive sono molti. Ovviamente il più temibile è la mosca delle olive (Bactrocera oleae), che ha già fatto la sua apparsa in questo primo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.