Olio extravergine di oliva penisola sorrentina

L’ olio extravergine di oliva della Penisola Sorrentina è un prodotto tipico della Campania tutelato dal marchio DOP e realizzato nei comuni della costa, dell’entroterra e nell’isola di Capri. Coltivare ulivi nelle zone costiere ha richiesto il ricorso a particolari terrazzamenti, che insieme alle caratteristiche del suolo vulcanico e al clima mediterraneo regalano all’olio un sapore davvero inconfondibile.

Gli ulivi presenti in quest’area sono circa il 75% dell’intera provincia di Napoli, anche se hanno una resa limitata, fruttando solo il 3% della produzione della Campania. La varietà d’oliva prevalentemente utilizzata per portare sulle nostre tavole l’ olio della Penisola Sorrentina è la Minucciola (detta anche Ogliarola), presente almeno al 65%, mentre le olive Rotondella, Frantoio e Leccino non possono eccedere il 35%.


Storia e caratteristiche dell’olio della penisola sorrentina

L’olivicoltura nella Penisola Sorrentina inizia con i Focesi, i coloni greci che consacrarono l’area alla dea Minerva. La coltivazione degli ulivi è dunque antecedente a quella degli agrumi, che a partire dal 1500 hanno contribuito a cambiare e rendere unico il paesaggio della zona, ancora oggi famoso in tutto il mondo per i suoi colori e i suoi profumi. Anche nell’olio extravergine di oliva della Penisola Sorrentina è possibile ritrovare sentori delle piante locali, che danno a questo prodotto tipico campano la sua spiccata aromaticità.

Di colore giallo paglierino, con riflessi verdognoli, l’olio extravergine di oliva della Penisola Sorrentina è un olio intenso, armonico e corposo, con un’acidità sempre inferiore allo 0,80%. Il sapore è equilibrato, con un giusto mix di amaro e piccante e note di mandorle fresche. I profumi ricordano le erbe spontanee e i frutti della terra d’origine, come rosmarino e pomodori. I piatti più indicati per esaltare questo olio sono senz’altro quelli della cucina tipica campana e sorrentina, soprattutto gustose grigliate miste di pesce e la tradizionale insalata di limoni di Sorrento.


Ciro Panzella

error

Ti potrebbe interessare...

A un passo dall’inizio della raccolta, si mu... Siamo ad un passo dall’ora “X”. Se in Sicilia qualche oliva comincia ad essere raccolta, a salire piano piano lungo la penisola, ci si sta preparando....
Alla scoperta della cultivar Santagatese, le sue c... La Santagatese è una cultivar olea autoctona diffusa nella costa del nord-est della Sicilia, in particolar modo nella provincia di Messina sui monti N...
Xylella, vivaio toscano produce pianta olivo res... 'Leccino CSS 02 Minervà è uno dei cloni brevettati dai Vivai Attilio Sonnoli di Uzzano (Pistoia) che, oltre ad essere resistente al freddo e vantare m...
Mosca delle olive, un pericolo in agguato E' stata un'estate drammatica a causa del caldo e della siccità, che però hanno almeno avuto il pregio di ridurre drasticamente, se non azzerare, il r...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.