Olio nutraceutico

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA: UN ALIMENTO NUTRACEUTICO

Più lo studiano e più si rivela un elisir di lunga e sana vita. L’olio extravergine d’oliva non è solo il principe dei condimenti e il re della dieta mediterranea. Il nostro blasonatissimo oro verde, capace di dare un senso a un piatto con un semplice giro, è anche ricco di componenti preziosi per la nostra salute. Ecco cosa ci ha detto in merito l’esperto Giuseppe Bacchi.L’olio extravergine di oliva è uno dei grassi più utilizzati nella dieta alimentare delle popolazioni del bacino mediterraneo. Alimento principe della famosa Dieta Mediterranea, è ormai considerato un alimento nutraceutico, capace cioè di prevenire e curare diverse patologie, grazie sopratutto alla sua particolare composizione chimica. L’olio extravergine è costituito per il 98 % da lipidi, una miscela di trigliceridi in cui la glicerina è legata agli acidi grassi e per il 2% da numerosissimi composti chimici ancora non completamente identificati, definiti frazione insaponificabile.

Proprietà dell’Olio Extravergine d’Oliva

Gli Acidi Grassi

Tra gli acidi grassi, l’acido oleico, rappresentato per il 70%, riveste particolare importanza in quanto in grado di ridurre l’incidenza delle malattie cardiovascolari e la mortalità ad esse connessa, mantenendo bassi i livelli di colesterolo cattivo (LDL) e aumentando i livelli di colesterolo buono (HDL) forma utile quest’ultima, per prevenire la formazione di placche lipidiche sulle pareti delle arterie. A rendere l’olio extravergine d’oliva un grasso a dimensione d’uomo è, soprattutto, il perfetto equilibrio esistente tra l’acido oleico e gli altri acidi grassi, linoleico e linolenico, questi ultimi definiti “essenziali” in quanto devono essere assunti direttamente con la dieta.
A determinare le proprietà ineguagliabili dell’olio extravergine concorrono i componenti minori, quali alcoli, steroli, polifenoli, tocoferoli, che compongono la frazione insaponificabile e responsabili di importanti proprietà organolettiche e biologiche.

I Polifenoli

Tra queste sostanze, particolare importanza assumono i polifenoli, composti dotati di un elevato potere antiossidante, prevengono infatti le ossidazioni a carico dei grassi, (irrancidimento) e bloccano i radicali liberi che si formano nel nostro organismo che possono alterare il normale funzionamento delle membrane cellulari. La loro quantità in un olio dipende dalla cultivar, e dal grado di maturazione delle olive, la loro presenza è massima nelle olive verdi e diminuisce con la maturazione.

La loro presenza nell’extravergine di oliva può essere percepita al gusto, esse sono infatti responsabili del sapore amaro e piccante e del gusto fruttato. La percezione di amaro è perciò indice di alta qualità nutrizionale e nutraceutica e di maggiore resistenza all’irrancidimento. La perdita del sapore amaro di un olio è legata proprio alla degradazione dell’oleuropeina, composto fenolico dal gusto amaro, a idrossitirosolo che non possiede questa caratteristica.

Proprietà antidolorifiche

Il sapore piccante dell’olio evo è dovuto alla presenza di una sostanza scoperta di recente, l’oleocantale, con proprietà antidolorifiche e antinfiammatorie simili all’ibuprofene. Tali composti vengono fuori da un frutto, l’oliva, e non da un seme, per cui a differenza di altri oli vegetali, non viene lavorato con processi chimici dopo essere estratto, ma semplicemente ottenuto attraverso procedimenti fisici e meccanici. La qualità di questo “prodotto naturale” dipende strettamente dalle diverse operazioni che si susseguono nella filiera produttiva, che riguardano la fase di coltivazione, i tempi e i metodi di stoccaggio in frantoio, la tecnologia di estrazione e le modalità di conservazione che influenzano direttamente i caratteri organolettici dell’olio.

Ricordo infine che perché mantenga le sue qualità, l’olio extravergine di oliva va conservato al riparo della luce e lontano dalle fonti di calore. Quindi bottiglia scura lontana dai fornelli!

Le qualità di cultivar di olio d’oliva italiano sono tantissime e tanti sono anche gli oli regionali, ciascuno con differenti caratteristiche organolettiche e nutrizionali.

Fonte: Il giornale del cibo

https://www.olitaly.it/lextravergine-oliva-allunga-la-vita/

Ti potrebbe interessare...

I marcatori del colesterolo ne rivelano l’origine.... Distinguere olio tunisino e italiano ora si può Negli ultimi anni, le questioni relative all'autenticazione dell'olio d' oliva sono diventate temi...
L’olio extra vergine di oliva va filtrato? L’ olio extra vergine di oliva va filtrato? E’ da molti anni ormai che questo tema divide gli appassionati della materia, perché se è vero che il ...
Le bontà dell’olio Molto spesso la scelta dell’acquisto di un olio di oliva si basa esclusivamente su alcune diciture indicate in etichetta. I termini: extravergine, pri...
Olio verde, il vademecum Quasi tutti lo utilizzano e lo amano, ma solo pochi lo conoscono davvero a fondo. Per questo, nel corso dei decenni, si sono consolidati molti luoghi ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.