“OLITALY 4.0”: un patto di cura, amore e lavoro per l’Oro Verde

Nasce a Benevento l’associazione culturale Olitaly 4.0 volta alla conoscenza e alla promozione dell’olivicoltura e della risorsa olio.
L’intento associativo è infatti quello di dar vita ad un attivo polo culturale, inteso come hub di una fitta rete di relazioni che impreziosiscono la storia e la cultura agricola, sensibilizzare sull’importanza del Made in Italy, promuovere il petr-olio d’Italia e la sua genuinità dal punto di vista alimentare e salutare, valorizzare le eccellenze olearie, informare il consumatore con approfondimenti sui temi della filiera, della distribuzione, della vendita e della comunicazione dell’olio extravergine di oliva.
Considerato il significativo valore storico, culturale, sociale ed economico che l’extravergine ha in Italia, l’idea di creare un’associazione interamente dedicata alla promozione e tutela di questo prodotto era già in cantiere da tempo.
Nel Consiglio Direttivo, persone qualificate in vari ambiti professionali. Oltre al presidente Claudio Angiolelli ed al Vice Gennaro Viglione, il tesoriere Rolando Di Bernardo. Soci fondatori, Milena Mancini, Sebastian Limata, Adriano Rubino.
Tra le mission, la prima Fiera dell’olio extravergine di oliva rivolta ai maggiori produttori oleari del bacino del Mediterraneo, in programma a maggio 2018, con lo scopo di divenire il punto di riferimento delle aziende e dei professionisti che si dedicano alla produzione e vendita dell’olio di oliva e affini.
L’olio d’oliva è un’identità da preservare, un patrimonio da recuperare e valorizzare ed il nostro impegno è rivolto proprio a questo obiettivo.
Sul portale olitaly.it, tutte le info, curiosità e dettagli che danno voce al mondo dell’olio di oliva, attraverso aree tematiche che saranno affiancate da un lavoro di ricerca ed analisi, mediante realizzazione di video guida e la creazione di una web tv.

 

M.M.

Ti potrebbe interessare...

Ismea, prossima campagna si prospetta migliore ma ... Secondo le previsioni Istituto di servizi per il mercato agricolo e alimentare, la campagna olearia 2017/2018 sarà migliore rispetto a quella preceden...
Le IGP regionali sono il futuro dell’olivico... La Toscana olivicola ha molti problemi, con il 27% della sua olivicoltura in stato di abbandono, ma ha mostrato nell'ultimo ventennio la capacità di c...
Olio: una scelta culturale Un calo stimato fino al 30-40% del volume in alcuni distretti significativi di produzione. Dovrebbe essere questo, secondo i maggiori esperti, l’effet...
Olio evo italiano: poco, ma buono, e di alta quali... Roma, 14 settembre 2017 – “Sarà un’annata con una qualità di olio davvero significativa, seppur ancora con una quantità di prodotto non sufficiente ne...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.