Penne (PE), sequestrati 23 quintali di olio non tracciato

L’ispezione dei militari delle stazioni di Atessa, Collecorvino e del Parco di Sant’Eufemia a Majella rientra nella “Campagna Nazionale di controlli nel settore agricolo – 2017”. In particolare, l’olio è stato trovato, sia confezionato in bottiglie da 0,75 e in lattine da 5 litri, sia sfuso in contenitori di varia forma e capacità.

Il legale rappresentante dell’oleificio, un imprenditore del posto, non ha mostrato alcun documento riguardante il Piano di rintracciabilità alimentare. Inoltre, dal Registro Telematico della ditta, presente sul portale del “Sistema Informativo Agricolo Nazionale – Sian”, precedentemente consultato, risultavano tre recipienti di stoccaggio, che avrebbero dovuto contenere una giacenza di 4.640 chili di olio extravergine di oliva, trovati completamente vuoti, mentre un altro contenitore contenente al controllo olio sfuso, non era stato affatto riportato nel Registro Telematico.


Tra l’altro, circa 500 chili di olio presente in oleificio erano in attesa di classificazione, cioè dovevano diventare a Denominazione di Origine Protetta o ad Indicazione Geografica Protetta “Aprutino – Pescarese”. Le sanzioni amministrative ammontano a 2.900 euro. “Non essendo nota la provenienza né la qualità – spiega Giancarlo D’Amato, comandante dei carabinieri forestale di Pescara – dovranno essere effettuate le relative analisi chimiche e gustative per la regolare classificazione dell’olio sequestrato, in modo da scongiurare anche eventuali truffe ai danni del consumatore”.


 

CityRumors – Cronaca Pescara

error

Ti potrebbe interessare...

La nostra inchiesta: c’è olio e olio! Risale all’inizio del 2014 la denuncia lanciata dall’autorevole New York Times contro l’olio italiano (“Il suicidio dell’olio extravergine – L’adulter...
L’olio di oliva italiano: un caso di cattiva comun... Una importante teoria sui mass-media, denominata Agenda setting e divenuta molto famosa nel mondo della comunicazione, ci suggerisce che “i media poss...
Falso olio extravergine d’oliva: blitz dei N... Proprio in Puglia, il cosiddetto paradiso dell’olio, i Nas hanno sequestrato, nella giornata di ieri, alcune bottiglie di olio contraffatto e hanno de...
Truffa. L’olio di semi diventa olio extravergine Era nato un mercato parallelo di finto olio extravergine a basso costo tra Toscana, Lazio ed Emilia-Romagna. Dopo un anno di indagini i Carabinieri de...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.