premio dorso

Premio Dorso 2017 a Maria Saponari

Il 12 ottobre la dott.ssa Maria Saponari della Sede Secondaria di Bari dell’IPSP ha ricevuto a Roma il prestigioso premio Guido Dorso 2017 per la sua attività di ricerca scientifica e in particolare per gli studi condotti sul ceppo salentino di Xylella fastidiosa.

Occorre ricordare che la dott.ssa Saponari è, con altri illustri e meritevoli colleghi, oggetto di un’indagine da parte della Procura di Lecce, contestata da tutti gli organismi di ricerca in Europa e nel mondo.

Di seguito il profilo professionale della dott.ssa Saponari, autrice inoltre di molteplici pubbliucazioni scientifiche :

La dottoressa Maria Saponari si è laureata nel 1997 in Scienze Agrarie presso l’Università di Bari; nel 2001 dopo la laurea in Plant Virology presso l’Università di Bari, è entrata a far parte del gruppo di ricerca dell’Istituto di pianta virologica – CNR. Il dottor Saponari ha inizialmente lavorato alla rilevazione e alla caratterizzazione dei virus d’infezione da olivo, contribuendo a estendere la conoscenza dei virus dell’olivo, a sviluppare protocolli di valutazione sanitaria e programma di stock pulito per la produzione di piante di oliva prive di virus. Nel 2003, ha esteso la sua ricerca ai virus d’infezione da agrumi, in particolare, sul virus di Citrus tristeza (CTV). Attraverso il sostegno del programma di mobilità a breve termine del CNR 2006 e 2007, è stata ricercatrice presso la USDA, Parlier – California. Nell’ambito di queste fasi, sono state sviluppate diverse attività sul CTV: caratterizzazione biologica, caratterizzazione molecolare, sviluppo del protocollo attraverso RT-PCR in tempo reale per la rilevazione e differenziazione del ceppo di CTV, trasmissione in vitro e in vivo di CTV da afidi, indagine di campo. La collaborazione creata con l’USDA ha determinato diversi accordi di cooperazione con il CNR per sviluppare ricerche innovative: uno dei primi progetti congiunti (2008-2012) volti a caratterizzare il piccolo RNA interferente associato al fenomeno di protezione incrociata nelle piante infette da CTV. Recentemente, il dott. Saponari ha partecipato al progetto finanziato dal Dipartimento della California per l’Alimentazione e l’Agricoltura sul tema “Sviluppo di rilevamento ad alta percentuale di agenti patogeni di RNA e DNA” (2010-2013). Le attività avviate nei progetti sopra citati su questi nuovi aspetti della ricerca molecolare sono stati estesi nel 2011, nel quadro del progetto nazionale OLEA alle colture di oliva. In particolare, il Dr. Saponari sta conducendo ricerche finalizzate a determinare il profilo miRNA e il ruolo degli elementi transposibili nel controllo epigenetico.

Ti potrebbe interessare...

L’Olio delle Colline a Cori. I vincitori Si è conclusa la 3^ edizione di “ Cori: dell’Olio e delle Olive”, la manifestazione nata per promuovere l’agroalimentare di qualità e valorizzare il t...
Partito il valzer delle previsioni sulle produzion... Le preoccupazioni sulla prossima campagna olearia si stanno intensificando in tutto il Mediterraneo, tanto che ben due riviste hanno fornito i loro da...
la Coldiretti denuncia: olio straniero in due bott... “Con più di due bottiglie su tre riempite in Italia che contengono olio di oliva straniero l’ausilio delle nuove tecnologie rivoluzionarie come il QR-...
Oli d’Italia 2017. Miglior olio biologico: V... Quello fra umbri e ulivi è un legame profondo, autentico, che va avanti da secoli. I produttori olivicoli di questa regione si impegnano giorno dopo g...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *