Professione tecnico di frantoio. A Perugia il corso per imparare a fare l’olio

Quello dell’extravergine è un settore in crescita: consumatori più consapevoli, attenti, curiosi, e soprattutto produttori impegnati a realizzare etichette sempre migliori rappresentano, oggi, l’istantanea di un comparto ancora poco conosciuto, ma che inizia a far parlare di sé.

Aumentano i corsi di assaggio, le degustazioni, e di pari passo cresce l’interesse da parte del pubblico, maggiormente disposto ad acquistare una bottiglia di qualità. Ma se quello della comunicazione e della promozione di questo prodotto simbolo del made in Italy è un tema caldo e quanto mai attuale, ancora di più lo è quello dell’aggiornamento professionale per gli addetti ai lavori.
Non mancano, infatti, corsi specifici per i professionisti che operano già nel settore, ma che non si accontentano delle competenze acquisite finora. Un esempio calzante è il corso per tecnico di frantoio, organizzato a Perugia.
Un percorso di studi articolato in 5 lezioni, pensato per gli olivicoltori ma rivolto anche agli assaggiatori di olio e tutti coloro che credono nella qualità dell’oro verde. Perché per realizzare un buon olio occorre porre la massima attenzione in campo, alla cura delle piante e del terreno, ma è in frantoio che il prodotto prende vita.
Tante le fasi di lavorazione, dal lavaggio delle olive al filtraggio finale, che concorrono per determinare il gusto dell’olio, ma produrre un buon extravergine implica anche avere a che fare con procedure burocratiche e amministrative.
Essere un olivicoltore significa, infatti, fare i conti con la legislatura delle etichette, e far fronte ai temi più disparati, come quello della riduzione dell’impatto ambientale, il risparmio energetico e molto altro ancora.
Per rispondere a questi e altri quesiti, il team tecnico di Aprol Perugia, presieduto da Giulio Scatolini, presenta il corso rivolto a coloro che, già in possesso di conoscenze tecniche e competenze pratiche di base, intendono completare la loro formazione sulla corretta conduzione di un frantoio oleario. Il corso è stato organizzato proprio per aggiornare i professionisti sulle ultime innovazioni relative alla tecnologia e ai macchinari necessari per la produzione di un buon extravergine, con particolare attenzione al miglioramento delle caratteristiche organolettiche e alla diversificazione del prodotto, in base alle ricerche e alle esigenze dei diversi mercati. Con la partecipazione e il contributo di vari esperti del settore, dai rappresentanti dei maggiori marchi di frantoi oleari ai professori di agraria.
Sede del corso sarà proprio l’Aprol di Perugia, dal 18 al 20 settembre 2017, e il 28 e 29 settembre, per un totale di quarantacinque ore di lezione.



Gambero rosso

Ti potrebbe interessare...

Olio d’oliva: il lavoro di filiera per garan... Riconquistare la fiducia dei consumatori, italiani e stranieri, con un'azione dell'intera filiera ed il sostegno delle istituzioni. E' questa la strat...
Prospettive della filiera olivicola pontina: azion... Nell’ambito del Salone dell’Olio, delle Olive e dei Sapori Pontini, sabato 9 Febbraio, alle ore 14:30, al Palazzo M di Latina, si terrà la tavola roto...
Il patto di filiera dell’olio DOP Riviera Li... Prosegue il sostegno alla filiera olivicola – olearia ligure da parte del Consorzio di tutela dell’olio extravergine di oliva DOP Riviera Ligure.  Il ...
Festa dell’olio Città di Verona: a Quinzano l’abbi... Con l’abbinata olio extra vergine d’oliva-patata della Lessinia e due giorni di manifestazione, anziché uno solo, Quinzano è pronta ad ospitare la 2ª ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.