Rintracciabilità e tracciabilità

E’ la capacità di ricostruire la storia e di seguire l’utilizzo di un prodotto mediante identificazione documentate relativamente ai flussi materiali ed agli operatori di filiera. E’ l’identificazione delle aziende che hanno contribuito alla formazione di un dato prodotto alimentare basata sul monitoraggio dei flussi di materiali dal produttore della materia prima al consumatore finale.

Cosa si intende per tracciabilità e rintracciabilità?

Con il termine di tracciabilità si intende il processo informativo che segue il prodotto da monte a valle della filiera produttiva; mentre per rintracciabilità si intende il processo inverso che permette di risalire da valle a monte le informazioni distribuite lungo la filiera.


In base alle definizioni sopracitate, il controllo della filiera diventa credibile solo se tracciabile, in pratica documentabile ed esteso a tutta la filiera produttiva. Quindi l’elemento indispensabile della filiera e l’insieme delle aziende che contribuiscono alla realizzazione del prodotto. Ai fini della tracciabilità, non è fondamentale individuare l’origine geografica o il luogo di trasformazione e confezionamento del prodotto, ma il nome delle aziende che hanno partecipato alla produzione che ne sono direttamente responsabili.

La tracciabilità deve essere riferita ad ogni singola porzione di prodotto, e deve consentire di risalire ad un’azienda che ha avuto un ruolo nella formazione di tale porzione.


I benefici derivanti dall’adozione di un sistema di tracciabilità sono molteplici e riguardano sia consumatori e sia le imprese. Tali benefici possono essere sintetizzati nel seguente modo.

Quali sono i benefici per i consumatori?

  • Aumento delle garanzie sulle identificazioni determinati ingredienti presenti nei vari prodotti alimentari
  • Permette una vasta scelta tra alimenti prodotti in zone e con modalità diverse
  • Disponibilità immediata delle informazioni riguardanti la filiera e semplificazione dei controlli

Quali sono i benefici per le imprese?

  • Possibilità di differenziarsi sul mercato
  • Possibilità di garantire la veridicità delle informazioni
  • Diminuzione dei costi dell’organizzazione interna della filiera
  • Riduzione delle informazioni da registrare perché è presente il sistema informativo di filiera
  • Agevola la scelta di forniture il monitoraggio dei clienti

 

error

Ti potrebbe interessare...

confezionamento Evo: cure e normative Uno degli ultimi scalini della lunga scala che porta l’olio dall’oliva al consumatore lo costituisce l’operazione di confezionamento. Vediamo tutte le...
Stop contraffazioni con Nfc Arriva il passaporto virtuale per tutelare prodotto, produttore e consumatore, che darà scacco matto alle bottiglie contraffatte. Si chiama Autentico ...
Olio da agricoltura bioogica: il disciplinare Il disciplinare contenuto nel Regolamento CE n.2092/91 (e successive modificazioni ed integrazioni) sulla produzione di olio extra vergine d’oliva o...
Frantoi oleari e oleifici: nuove Linee Guida dal C... Con Nota prot. n. 12622 del 26-09-2017 il Comando dei Vigili del Fuoco detta alcune "Linee guida di prevenzione incendi per la progettazione, costruzi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.