Roma, finto olio extravergine in ristorante Campo de’Fiori

Raffica di controlli dei carabinieri nei locali della movida romana, in particolare nella zona di Campo de’ Fiori. Numerose le irregolarità riscontrate: dall’occupazione abusiva di suolo pubblico alla scarsa igiene nelle cucine, con menù e prodotti taroccati serviti a tavola. Come l’olio spacciato come “extravergine di oliva” ai clienti di un ristorante sulla piazza principale mentre era di semi e colorato con clorofilla.

I militari dell’Arma, hanno effettuato i controlli volti a contrastare ogni forma di degrado e illegalità commerciale, fenomeni che recano un danno d’immagine enorme alla Capitale, in un periodo di massima attrattiva turistica. Le verifiche si sono concentrate nelle zone della “movida”, dove con l’ausilio dei reparti speciali, i Carabinieri del Nucleo Antisofisticazione e Sanità e del Nucleo Ispettorato del Lavoro, gli uomini della Compagnia Roma Centro hanno passato al setaccio una serie di attività commerciali rilevando violazioni che hanno interessato sia la disciplina del suolo pubblico che, della sicurezza alimentare, esposta a rischi maggiori in un periodo di massima escursione termica, che richiede la massima cura nella conservazione dei cibi e delle bevande al fine di evitare pericolose tossinfezioni alimentari.

Già la sola presenza dei carabinieri nella piazza e nelle aree limitrofe è stata importante e preziosa al fine del rispetto delle regole che vanno dagli schiamazzi, ai limiti della presenza dei tavolini, alla normativa anti alcol appena emessa dal Comune.

In particolare, i carabinieri hanno sequestrato cautelativamente, 170 litri di olio extravergine d’oliva, in bottiglie da un litro, presumibilmente contraffatto, e costituito da olio di semi colorato con clorofilla. Il titolare dell’esercizio commerciale, un cittadino romeno, di 48 anni, è stato denunciato per vendita di sostanze alimentari non genuine come genuine e sanzionato amministrativamente per un importo di 4000 mila euro.

 

Interno

 

error

Ti potrebbe interessare...

L’Olio delle Colline, bilancio dell’edizione 2019... 96 aziende partecipanti al XIV Concorso “ L’Olio delle Colline ”, tra iscritte alla CCIAA e non; 15 quelle al IV Concorso “L’Oliva Itrana”; 32 bottigl...
Olio evo italiano: poco, ma buono, e di alta quali... Roma, 14 settembre 2017 – “Sarà un’annata con una qualità di olio davvero significativa, seppur ancora con una quantità di prodotto non sufficiente ne...
Filiera olivicola: mercati, sviluppo, qualità Valorizzare gli olivicoltori e promuovere la qualità: su queste due direttrici muove il futuro dell'olivicoltura italiana. E' quanto emerso dall'incon...
I pericoli per la qualità dell’olio extra ve... Non sarà una grande annata, quantitativamente parlando, probabilmente in linea con il famoso annus horribilis 2014. Dal punto di vista qualitativo ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.