sonnino

Sonnino ha il suo nuovo Principe dell’Olio 2017

Sabato 23 Dicembre, all’Auditorium San Marco del principale centro olivicolo pontino sono stati premiati i tre vincitori della 9^ edizione de “L’Olio delle Colline a Sonnino ”, il primo concorso locale sull’olio ideato nella provincia di Latina. 1^ Santina delle Fate Società Cooperativa, 2° Antonio Trotta, 3°Serafino Altobelli.

Santina delle Fate Società Cooperativa è “Il Principe dell’Olio” 2017, vincitrice della 9^ edizione de “L’Olio delle Colline a Sonnino”, il primo concorso locale sull’olio ideato nella provincia di Latina dal Comune di Sonnino (LT), organizzato dall’Amministrazione comunale e dal CAPOL (Centro Assaggiatori Produzioni Olivicole Latina), in collaborazione con l’ASPOL (Associazione Provinciale Produttori Olivicoli Latina). 2° Antonio Trotta e 3° Serafino Altobelli.

Questo il profilo – organolettico – del nuovo Principe dell’Olio di Sonnino: “di colore verde intenso e di grande eleganza, all’olfatto si esprime deciso ed ampio, con note verdi di pomodoro, cardo ed erbe balsamiche. Al gusto è avvolgente e fruttato con richiami di erbe selvatiche e note spiccate di amaro e piccante in chiusura. È questo il segnale della presenza di un buon tenore di polifenoli: gli antiossidanti naturali che hanno un’azione benefica sull’organismo.”

La cerimonia di premiazione, consegna delle targhe e degli attestati si è svolta sabato 23 Dicembre all’Auditorium San Marco di Sonnino, a margine del convegno “Sonnino, regno dell’trana”, dedicato alle potenzialità della cultivar autoctona pontina, un unicum nel panorama dell’olivicoltura, caratterizzata dalla duplice attitudine nella triplice variante a due D.O.P. (olio extravergine d’oliva D.O.P. Colline Pontine e Oliva Gaeta D.O.P. da mensa).

Sono intervenuti: Luciano De Angelis, Sindaco di Sonnino, maggiore centro olivicolo provinciale; Luigi Centauri, Presidente del CAPOL; Alberto Bono, agronomo. La selezione degli oli è stata operata dal panel composto da 12 assaggiatori del CAPOL, nella nuova sede dell’associazione, presso il centro servizi del Consorzio per lo Sviluppo Industriale Roma-Latina. Solo il 13% dei campioni è risultato difettato, a conferma della elevata qualità generale del prodotto.

Marco Castaldi
Ufficio Stampa & OLMR

https://www.olitaly.it/valorizzazione-delloliva-itrana/

Ti potrebbe interessare...

Siccità, Coldiretti: “Dalla pummarola all’olio, la... La siccità ed il caldo hanno colpito pesantemente i prodotti base della dieta mediterranea dal grano per la pasta all’olio extravergine di oliva fino ...
Olio d’oliva. L’ISMEA: produzione 2017... "Un panorama che mostra una filiera dell'olio d'oliva dove, al netto del deciso calo di produzione, dovuto agli eventi climatici, avvenuto nel 201...
EVOO di qualità: l’Itrana in trasferta a Milano La cultivar autoctona della provincia di Latina – insieme alle varietà olivicole e olearie tipiche di Umbria (Moraiolo), Sicilia (Tonda Iblea), Toscan...
“OLITALY 4.0”: un patto di cura, amore e lavoro pe... Nasce a Benevento l’associazione culturale Olitaly 4.0 volta alla conoscenza e alla promozione dell’olivicoltura e della risorsa olio. L’intento asso...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.