Potatura piante olivo

Un’operazione fondamentale per la resa delle piante

Non è necessario potare le piante di olivo tutti gli anni. L’importante è ricordare che si tratta di un’operazione molto delicata: se è vero che qualsiasi tipo di pianta deve essere potata con attenzione, con gli olivi bisogna prestare ancora più attenzione. Tra l’altro, la potatura non è un semplice intervento estetico o da eseguire a casaccio, ma deve basarsi su principi scientifici, in quanto è uno dei fattori principali per ottenere un’alta resa ed una pianta sana. Per prima cosa, è necessario saper riconoscere le diverse tipologie dei rami dell’olivo: quelli più vicini al fusto, infatti, crescono di più rispetto a quelli più distanti. È per questo che un olivo incolto ha un aspetto cespuglioso, ma ciò influisce sulla produttività: un’alta resa, infatti, è garantita da ramificazioni aperte che ricevono molta luce ed aria. A questo punto, interviene la potatura: esaminiamo, quindi, il periodo di potatura dell’olivo.

Il periodo di potatura dell’olivo è compreso tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera (i mesi da prediligere sono febbraio e marzo): in questo momento, infatti, le prime fasi della fruttificazione della pianta non sono ancora iniziate. Se gli olivi si trovano in una zona del settentrione o interessata da una forte escursione termica, è consigliabile posticipare l’intervento di potatura. Ciò è dovuto al fatto che abbassamenti della temperatura o gelate tardive possano danneggiare la pianta appena potata. In questo caso, il periodo di potatura dell’olivo si estende fino a maggio. Gli interventi di potatura sono di tre tipi, legati all’età della pianta: una potatura lieve, per esempio, va effettuata quando la pianta non produce ancora olive, mentre le comuni potature sono di carattere medio (con un taglio del 20-35% della chioma). Solo se si vuole rinvigorire o ricostruire la pianta si effettuano potature estensive (da realizzarsi con molta cautela).

Le regole principali che si devono seguire nel potare gli olivi sono tre: in primo luogo, bisogna distinguere tra i rami giovani (che non devono essere potati, in quanto più produttivi) e quelli più vecchi. Infatti, i rami con più di due anni d’età non producono frutti. Secondo, si deve potare in maniera tale da lasciare una specie di “punta”: l’olivo cresce soprattutto in altezza ed i suoi rami necessitano di luce per poter fruttificare. Infine, proprio per quest’ultimo motivo, l’intervento di potatura deve riguardare soprattutto i rami interni, in quanto impediscono alla pianta di ricevere una buona illuminazione. La potatura deve essere realizzata tramite tagli netti e precisi, senza danneggiare la corteccia per evitare l’insorgere di future malattie. Anche per questo è bene effettuare la potatura servendosi di cesoie ben disinfettate

Fonte www.giardinaggio.org

Potare gli oliveti ad altissima densità

Ti potrebbe interessare...

Rischio fioritura per siccità e gelo La siccità degli ultimi mesi può essere una fonte di stress, riducendo il numero di fiori per infiorescenza. Il gelo di questi giorni, in particolare ...
Olio extravergine di oliva colline beneventane In Campania la pratica della coltivazione dell'olivo risale ai Greci e ai Fenici, che diffusero l'uso dell'olio in tutti i territori colonizzati, come...
Olio DOP in Campania, varietà e biodiversità L’olio di oliva Campani DOP sono uno dei principali prodotti tipici campani. La Campania è infatti la quarta regione d’Italia per quantità d’olio real...
Xylella, una miscela biologica per curare gli uliv... L’unione di rame e zinco potrebbe essere la soluzione all’abbattimento degli ulivi già infettati dal batterio Xylella. Una ricerca iniziata tre anni f...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.