ulivi infettati

Xylella, una miscela biologica per curare gli ulivi infettati

L’unione di rame e zinco potrebbe essere la soluzione all’abbattimento degli ulivi già infettati dal batterio Xylella. Una ricerca iniziata tre anni fa in Salento e pubblicata sulla rivista Phytopathologia Mediterranea ha individuato una miscela biologica in grado di inibire l’azione del fastidioso batterio che ha portato l’Ue alla drastica decisione di estirpare gli ulivi malati. La ricerca condotta dal batteriologo Marco Scortichini dimostra che l’applicazione costante di una miscela di rame e zinco complessata ad acido citrico sotto forma di idracido (Dentamet) riduce il disseccamento e le altre patologie legate a tale infestazione. Il composto è stato applicato alle fronde degli ulivi delle varietà Cellina di Nardò e Ogliarola.

“Questi risultati promettenti suggeriscono che una gestione integrata mirante alla riduzione della gravità della Xylella fastidiosa, che includa una regolare mondatura degli alberi ed erpicatura dei suoli, con trattamenti mediante vaporizzazione di Dentamet in primavera e autunno, è probabilmente efficace a controllare efficacemente la malattia”, affermano gli autori della ricerca.


Le analisi del DNA effettuate tra giugno 2016 e settembre 2017 sugli alberi trattati, infatti, hanno evidenziato una riduzione significativa della densità di cellule Xylella.

Un grande passo avanti è stato compiuto nella lotta contro questo insidioso batterio: l’unica soluzione non è quindi l’eradicazione delle piante, metodo che tra l’altro non ha bloccato la nascita di nuovi focolai di Xylella, ma la riduzione progressiva della carica batterica.

Fonte: Cno


Xylella, stop speculazioni: acquistate a 2€ 200mila piante

Ti potrebbe interessare...

L’olio DOP Riviera Ligure al Forum Olio e Ri... La partecipazione del Consorzio di Tutela dell’olio extravergine di oliva DOP Riviera Ligure al Primo Forum Olio & Ristorazione, Milano, 28 maggio...
Xylella: «Fermate le speculazioni» Non è bastato l’enorme danno provocato dalla xylella fastidiosa, che in poco meno di un lustro ha messo in ginocchio gran parte dell’olivicoltura sale...
Le IGP regionali sono il futuro dell’olivico... La Toscana olivicola ha molti problemi, con il 27% della sua olivicoltura in stato di abbandono, ma ha mostrato nell'ultimo ventennio la capacità di c...
Zona che vai, ulivo che trovi Mai pianta ha diviso più gli esperti come l’ulivo. Dal Nord a Sud infatti cambiano i tempi, i modi e perfino i “disegni” che gli si danno. Questo perc...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.