Olio extravergine di oliva Cilento DOP

L’olio di oliva Cilento DOP è un prodotto tipico campano che nasce in 62 paesi nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, un’area ricca di cultura e tradizione dichiarata patrimonio mondiale dell’umanità dall’UNESCO. L’olivicoltura cilentana vanta oltre 2500 anni di storia e in alcune zone copre fino al 90% del territorio agricolo, producendo numerose varietà di olive autoctone. Protagonista incontrastata dell’olio extravergine di oliva Cilento DOP è l’oliva Pisciottana, che assieme alle varietà Rotondella, Ogliarola, Frantoio, Salella e Leccino deve essere presente almeno all’85%.

Il rigido disciplinare che regola la lavorazione dell’olio Cilento DOP impone inoltre la raccolta rigorosamente manuale delle olive e la loro estrazione al frantoio entro due giorni. Giallo paglierino e intensamente fruttato, l’olio del Cilento rivela all’olfatto sentori di mela ed erba fresca. Il sapore è lieve, delicato e dolce, con un retrogusto di mandorle e nocciole e leggerissime note amarognole e piccanti.


Storia e utilizzo dell’olio di oliva Cilento

Il biologo statunitense Ancel Keys, teorico della dieta Mediterranea, visse e condusse i suoi studi proprio nel Cilento. Questa sotto-regione della Campania forniva infatti elementi preziosi in termini di clima, ambiente e territorio, oltre a vantare una tradizione antichissima nella produzione dell’olio d’oliva, uno degli ingredienti cardine dell’alimentazione nostrana. Il legame tra il Cilento e gli ulivi è fortemente radicato e protagonista di racconti popolari, riti scaramantici e proverbi. L’importanza dell’olivicoltura per la comunità è attestata anche dal nome di alcune località, come Ogliastro Cilento e Sanza.


La storia dell’olio di oliva Cilento DOP parte con l’introduzione dall’antica Grecia dell’oliva Pisciottana, una varietà presente solo in zona e inizialmente coltivata a Pisciotta, il comune in provincia di Salerno da cui prende il nome. Le note aromatiche dell’olio di oliva Cilento lo rendono perfetto per l’utilizzo a crudo e per esaltare i piatti regionali come la parmigiana di alici, le grigliate di pesce e i piatti a base di verdure e legumi.

error

Ti potrebbe interessare...

Ripresa vegetativa lenta per l’olivo, gli er... In molte regioni, specie quelle colpite dal gelo, si segnala una ripresa vegetativa molto ritardata e più lenta della norma. Colpa dei danni ai tessut...
Alla scoperta della cultivar Santagatese, le sue c... La Santagatese è una cultivar olea autoctona diffusa nella costa del nord-est della Sicilia, in particolar modo nella provincia di Messina sui monti N...
Olio extravergine di oliva colline beneventane In Campania la pratica della coltivazione dell'olivo risale ai Greci e ai Fenici, che diffusero l'uso dell'olio in tutti i territori colonizzati, come...
Koroneiki, la regina delle varietà elleniche L’olio greco affonda le sue radici nel mito più antico. Era considerato un dono degli dei, il frutto sacro. Il primo olivo nato sulla rocca dell’Acrop...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.